Indietro

Tecnologia Encoder Ottica e Magnetica (differenze)

Principi della misurazione magnetica:


Gli encoder rotativi magnetici determinano la posizione angolare utilizzando la tecnologia dei sensori di campo magnetici. Un magnete permanente (a) fissato all‘albero dell‘encoder crea un campo magnetico (b) che viene campionato da un sensore (c) che genera un valore di posizione assoluta univoco.

Tecnologia innovativa multigiro
Gli encoder rotativi magnetici multigiro IXARC di POSITAL utilizzano una tecnologia innovativa per tenere traccia del numero di rotazioni esegui-te dall‘encoder, anche nel caso in cui le rotazioni avvengano in assenza di alimentazione nel sistema. Per raggiungere tale scopo, gli encoder generano energia elettrica dalla rotazione dell‘albero dell‘encoder.

La tecnologia si basa sull‘ „effetto Wiegand': quando un magnete permanente (a), presente sull‘albero dell‘encoder, ruota su un determinato angolo, la polarità magnetica in un „filo Wiegand' varia improvvisamente, inducendo un breve picco di tensione in una bobina (d) avvolta intorno al filo. Questo impulso rappresenta una rotazione dell‘albero e alimenta il circuito elettronico che registra l‘evento. L‘effetto Wiegand si verifica attendibilmente anche con rotazioni molto lente e non richiede batterie di backup.

 

Vantaggi degli encoder magnetici
Gli encoder magnetici sono robusti, durevoli e compatti. La batteria e la struttura senza ingranaggi li rende semplici da un punto di vista meccanico ed economicamente vantaggiosi rispetto agli encoder ottici. Grazie alle dimensioni compatte possono essere utilizzati nelle applicazioni in cui lo spazio di installazione è particolarmente limitato.

Clicca qui per andare deirettamente al Configuratore (QUICK FINDER) per gli encoders Ottici

 

 

Principi della Misurazione ottica:


Un componente fondamentale degli encoder rotativi ottici è il disco di codifica (a) montato sull‘albero dell‘encoder (b). Si tratta di un disco di materiale trasparente che presenta uno schema concentrico di aree trasparenti e opache. La luce a infrarossi proveniente da un LED (c) passa attraverso il disco di codifica, su un array di fotoricettori (d). Quando l‘albero gira, una combinazione unica di fotoricettori viene illuminata o bloccata dalla luce per mezzo dello schema presente sul disco. I modelli multigiro presentano un ulteriore gruppo di dischi di codifica disposti in un treno di ingranaggi (e). Quando l‘albero principale dell‘encoder ruota, questi dischi si innestano tra loro così da girare come gli ingranaggi di un contachilometri. La posizione di rotazione di ciascun disco viene monitorata otticamente e l‘output consiste nel conteggio del numero netto di rotazioni effettuate dall‘albero dell‘encoder.

Funzionalità
Gli encoder rotativi ottici assoluti IXARC di POSITAL utilizzano Opto-ASIC altamente integrati, che forniscono una risoluzione fino a 16 bit (65.536 passi) per giro, insieme a segnali Incrementali. Per i modelli multigiro, il campo di misura si estende dai dischi di codifica con ingranaggi meccanici fino a ben 16.384 (214) rotazioni.

Vantaggi degli encoder ottici
Gli encoder ottici garantiscono una risoluzione e precisione molto elevate insieme a un‘eccellente risposta dinamica e sono adatti per l‘uso in aree con alti campi magnetici. Inoltre, poiché la rotazione dei dischi di codifica è un processo interamente meccanico, non esiste il rischio che questi dispositivi perdano traccia della propria posizione assoluta a causa di una perdita di potenza temporanea. Non sono necessarie batterie di backup!